FOTOGRAFIA: post mortem photography e selfies at funeral a raffronto

Duckface, smorfie oppure foto allo specchio per mostrare l’outfit per un evento. Tutte cose a cui siamo abituati.. se non fosse che ora i selfies vanno di moda anche ai funerali.
Grande disgusto da parte chi ritiene che possa essere un’offesa quella della foto col morto/del morto/durante il funerale del morto.. eppure, andava “di moda” anche in altre epoche. Certo, indubbiamente i motivi non erano i medesimi, ma giusto per curiosità, andiamo a scavare nella storia e facciamo un raffronto.

Ora ciò che sbanca è il selfie (autoscatto), immancabilmente hashtaggato con parole chiave come #noia #nonno #funerale. Il motivo della foto attuale sembra essere il “ME“. Il me ovunque e comunque. Naturalmente da condividere su Instagram, Facebook, Twitter, nella speranza di avere tanti like e tante condivisioni.

Ma ciò che fa storcere il naso in fin dei conti non è nemmeno quello. E’ il gusto del “macabro”, di riuscire a pensare di scattare una foto durante un funerale, in un momento così triste che infondo nessuno vorrebbe ricordare!

Ma torniamo indietro nel tempo, in età vittoriana, periodo in cui era comune avere un ritratto di famiglia scattata quando qualcuno in famiglia era morto. Già, in quell’epoca era normale per le famiglie avere delle foto con qualche caro, ormai già morto, che avrebbero però voluto ricordare.

Il motivo però era diverso dall’attuale selfie al funerale. All’epoca non era alla portata di tutti poter avere una foto di famiglia per cui, per la maggiore, questo accadeva nel momento in cui moriva qualcuno. Il reale motivo dell’epoca era il ricordo, anche se macabro. L’avere in ricordo di quella persona.. o anche di quell’animale.
Le macchine fotografiche per come le concepiamo ora non erano ancora state inventate e non era certamente facile ottenere uno scatto.

Abbiamo comunque raccolto per voi una serie di foto storiche risalenti circa al 1800. Che vi piacciano o meno, fanno parte della storia della fotografia. Dateci uno sguardo e provate ad immaginare ora come giudichereste la stessa foto, ma scattata con l’iPhone e pubblicata con Instagram!

Per scrivere questo articolo abbiamo consultato: stevehuffphoto.com

 

About Selene Farci 37 Articles
Wedding & Events photographer ♥ www.selenefarci.com www.facebook.com/SeleneFarciPHOTO info@selenefarci.com